Razionale

La gestione dei pazienti con patologie croniche, comorbidi e spesso in politerapia, è uno dei compiti più rilevanti in Medicina Generale, per l’alta prevalenza, per la possibilità di miglioramento degli outcome clinici attraverso una presa in carico più appropriata ed efficace, per i notevoli costi assistenziali.

Questo si riscontra in particolare nei pazienti portatori di fattori di rischio e patologie cardiovascolari. L’emergenza COVID ha comportato uno stravolgimento nelle modalità di approccio ai pazienti cronici che ha determinato la necessità di organizzare una assistenza proattiva da remoto, attraverso la pratica del teleconsulto e l’accesso sempre maggiore alle possibilità che offre la telemedicina.

È molto importante in questi soggetti stratificare e trattare il rischio cardiovascolare attraverso interventi mirati sui singoli fattori di rischio, sui danni d’organi e sulle patologie già strutturate, con l’obiettivo di raggiungere gli obiettivi ed

Per questo motivo il controllo della aderenza e della continuità terapeutica riveste un ruolo di notevole importanza, così come importanti sono tutte le strategie mirate al loro miglioramento, come l’empowerment del paziente, il monitoraggio delle prescrizioni effettuate, la semplificazione
nell’assunzione dei farmaci, anche attraverso il ricorso ad associazioni precostituite possono migliorare la compliance e la persistenza terapeutica.